Nuova ricerca: un’ora di Tapping riduce l’ansia del 24%

Fonte: thinkquest.org

Un’ora di Tapping (EFT) ha portato come risultato una riduzione del 24% dello stress, sia emozionale che fisico. Questo risultato è stato provato da una ricerca pubblicata alla fine del 2012 nel Journal of Nervous and Mental Disease, una rivista peer-reviewed di psichiatria statunitense.

La ricerca ha misurato i livelli dell’ ormone dello stress (il cortisolo) nel corpo di tre gruppi di persone che soffrivano d’ansia, sia prima che dopo un intervento “terapeutico” di vario genere. I membri del primo gruppo si sono semplicemente riposati, i membri del secondo gruppo hanno fatto una seduta di terapia psicologica tradizionale (il cosidetto “talk therapy”, “terapia verbale”), ed i membri del terzo gruppo hanno fatto una seduta di Tapping (EFT).

Lo studio clinico (Clinical Trial NCT 01250431) è stato fatto rigorosamenta alla cieca:

  • nessuno dei membri dei gruppi sapeva in quale gruppo avrebbero partecipato
  • nessun terapista sapeva degli altri gruppi
  • il centro d’analisi del sangue che ha analizzato i campioni di cortisolo non sapeva a quali gruppi appartenessero.

Il gruppo di persone che hanno fatto Tapping ha mostrato una riduzione del 24% nel livello di cortisolo, riduzione, quindi, dello stress tanto emozionale quanto fisico. Questa riduzione è stata tre volte superiore a quella del gruppo che si è sottoposto a terapia psicologica tradizionale.

Secondo Dawson Church, l’autore dello studio, i risultati delle analisi del cortisolo sono state così sorprendenti che il centro d’analisi ha fatto controllare gli strumenti per verificare che non fossero guasti o malfunzionanti. Dice Church, “Dopo averli ritarati e controllati, le analisi sono state ripetute e si è ottenuto il medesimo risultato!”

Insieme a Church hanno collaborato allo studio: Garret Yount, biologo molecolare del California Pacific Medical Centre, e Audrey Brooks, psicologa-ricercatrice all’Università di Tucson, Arizona.

 

Scritto da Elena Licci Tidei e Kathleen L. Grant

Facebookinstagram